Un tavolo di confronto per salvare “Libro Possibile”

libro_possibile

Un tavolo di confronto per salvare “Libro Possibile”

L’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno gazzetta_libro_possibile

PREMESSO CHE:

  • Dopo 14 anni di attività rischia di non potersi svolgere il festival culturale de “Il libro possibile” che ogni anno da tre lustri nella prima decade di luglio si tiene a Polignano a Mare (BA);
  • Un festival che si svolge nelle cinque piazze di Polignano a Mare, per quattro sere consecutive mettendo a confronto pubblico e autori, scrittori, saggisti, giornalisti, magistrati, economisti, teologi, politici e gente di teatro, televisione, cinema e musica;
  • Si tratta di un evento che coinvolge anche 15 mila persone a serata;
  • Gli organizzatori dell’evento che fino ad ora ha visto coinvolti enti pubblici e privati hanno lanciato un allarme perché quest’anno a tre mesi dall’evento non vi sarebbero ancora le risorse necessarie per poterne consentire lo svolgimento;
  • L’impossibilità di tenere il suddetto festival sarebbe una gravissima sconfitta per tutti considerata la rilevanza culturale dell’evento che ha una natura volontaria e che si declina davvero con principi di sussidiarietà;
  • Significative sono sempre state le ricadute turistiche con un consolidamento del profilo culturale di una delle mete più belle della Puglia;
  • Secondo l’Istat Il 70,8% dei pugliesi non ha letto un solo libro in un anno occupando il penultimo posto seguita solo dalla Sicilia in questa desolante classifica col 71,8% ed è in coda purtroppo anche per libri venduti;

Si chiede pertanto in considerazione di quanto riportato in premessa e della rilevanza dell’evento culturale del festival de “Il libro possibile” quali iniziative il Ministro intenda assumere per attivare un tavolo tra tutti i soggetti istituzionali pubblici e privati al fine di consentire il prosieguo della manifestazione culturale di Polignano a Mare e di programmare anche il futuro di un evento di grande richiamo.

/ Articoli

Condividi