Interrogazione parlamentare al Ministro Guidi sul ruolo e sulle potenzialità della Fiera del Levante

levante

Interrogazione parlamentare al Ministro Guidi sul ruolo e sulle potenzialità della Fiera del Levante

INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE AL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

PER CONOSCERE
PREMESSO CHE:

  • Con la interrogazione a risposta orale 3-01313 avevo già posto al governo la questione relativa alla esclusione da parte del Governo di Fiere meridionali ed in particolare della Fiera del Levante dal piano di sostegno pari a 48 milioni di euro per il sistema fieristico italiano nell’ambito del più ampio piano di promozione del Made in Italy;
  • Il Vice Ministro Calenda ha ribadito tale decisione e ha sostenuto che i finanziamenti sono finalizzati a sostenere quelle Fiere italiane che hanno presentato progetti, che sono sui mercati internazionali e hanno una visione strategica e globale;
  • Lo stesso Vice Ministro ha inoltre decretato la “morte” delle fiere campionarie e che per queste «fierette», questo è stato il termine utilizzato, non vi saranno finanziamenti;
  • La definizione di “fieretta” mal si addice alla Fiera del Levante che vanta centinaia di migliaia di visitatori in grado di coinvolgere anche i paesi del bacino del Mediterraneo che ha un fatturato significativo e storicamente ha rappresentato anche un appuntamento importante anche per le istituzioni tant’è che è quasi sempre il Presidente del Consiglio dei Ministri ad inaugurarla come ha fatto lo stesso presidente Renzi in occasione della 78ma edizione dello scorso settembre;
  • Non credo che il Presidente Renzi abbia inaugurato una “fieretta” come definita dal Vice Ministro Calenda;
  • Le risorse a sostegno del sistema fieristico fondi risultano inoltre state allocate sulla base dei criteri stabiliti da un advisor, la Boston Consulting e non in base ad un preciso impianto normativo con condizioni e scadenze anche progettuali visto che sono state richiamante anche le idee per la promozione fieristica;
  • È evidente che la terminologia adottata dal Vice Ministro risulta essere fortemente lesiva nei confronti della Fiera del Levante e può comportare danni di immagine e conseguentemente economici molto rilevanti;
  • se un esponente del governo si esprime in quei termini molti espositori potrebbero essere indotti a trascurare la Fiera del Levante creando un meccanismo penalizzante per comparti, operatori economici e le stesse strutture della Fiera.

Si chiede di conoscere se Il Ministro è a conoscenza delle dichiarazioni del Vice ministro e se sono condivise e ove non condivise quali iniziative intenda assumere al fine di attivare un tavolo di confronto istituzionale per valorizzare il ruolo strategico della Fiera del Levante e le sue enormi potenzialità anche in vista dell’evento espositivo mondiale di Expo 2015.

/ Articoli

Condividi