#annullaretutto è l’hashtag con cui gli attivisti del Movimento 5 stelle stanno chiedendo la sospensione delle operazioni di voto per la scelta dei candidati alle politiche.
Un vero e proprio flop, con persone che, a loro insaputa, si sono ritrovate candidate. E altre escluse, senza poter sapere se questo dipenda da un problema tecnico o da una volontà politica dei garanti.
Già nelle scorse settimane sui sistemi operativi dei grillini si sono addensate diverse nubi. L’obsolescenza tecnica dello strumento, facilmente bucabile dagli hacker; il fatto che la partecipazione alle votazioni non garantisce il pieno anonimato agli occhi dei gestori del sistema; il rapporto, non chiarito, con alcune compagnie telefoniche con la cessione dei dati degli utenti.
La democrazia, il voto, sono dei processi estremamente delicati. Per questo non si possono delegare in toto a una piattaforma tecnologica che rischia di collassare o di non garantire la massima trasparenza.
Allo stesso tempo è evidente che, da parte dei vertici del Movimento, sono state compiute alcune scelte politiche senza che queste siano state oggetto di confronto o di dibattito interno con la propria base.
Non si spiegherebbe, altrimenti, l’esclusione dalla rosa dei potenziali candidati di persone che hanno già ricoperto il ruolo di parlamentare. Uno di questi l’ho conosciuto personalmente perché, per cinque anni, siamo stati assieme nella Commissione Bilancio della Camera, il bitontino Francesco Cariello.
Cariello non ha di certo bisogno della mia difesa. Eppure mi ha molto colpito la sua esclusione perché, in questi anni, pur lavorando su fronti opposti e avendo avuto diverse occasioni di scontro e di polemica, l’ho sempre ritenuta una persona intelligente e di valore, di quelle che - immagini - una forza politica mai si priverebbe.
Non me ne vorrà allora Cariello se lo prendo come esempio per un discorso più generale, ossia quello delle modalità con cui il M5S sta operando nella selezione della propria classe dirigente. La democrazia interna dei partiti non è un tema che ha mai appassionato troppo gli italiani. Eppure è una questione fondamentale, è la cartina di tornasole che permette, anzitutto, di garantire la qualità del lavoro all’interno delle istituzioni, ma anche la capacità di ascoltare il territorio e di provare a risolverne i problemi. Oggi assistiamo alla rivolta interna al Movimento 5 stelle, a un cortocircuito frutto di una democrazia interna ridotta a un click sulla Rete, senza spazi di discussione e di confronto ma con decisioni che, in realtà, sono già state prese tutte dall’alto. Dispiace per quei tantissimi militanti che oggi si sentono traditi. E preoccupa per l’Italia, per il futuro Parlamento, che ha bisogno, al di là delle casacche politiche, di persone che siano all’altezza del ruolo e delle sfide che attendono il Paese.
... See MoreSee Less

#annullaretutto è l’hashtag con cui gli attivisti del Movimento 5 stelle stanno chiedendo la sospensione delle operazioni di voto per la scelta dei candidati alle politiche. 
Un vero e proprio flop, con persone che, a loro insaputa, si sono ritrovate candidate. E altre escluse, senza poter sapere se questo dipenda da un problema tecnico o da una volontà politica dei garanti. 
Già nelle scorse settimane sui sistemi operativi dei grillini si sono addensate diverse nubi. L’obsolescenza tecnica dello strumento, facilmente bucabile dagli hacker; il fatto che la partecipazione alle votazioni non garantisce il pieno anonimato agli occhi dei gestori del sistema; il rapporto, non chiarito, con alcune compagnie telefoniche con la cessione dei dati degli utenti. 
La democrazia, il voto, sono dei processi estremamente delicati. Per questo non si possono delegare in toto a una piattaforma tecnologica che rischia di collassare o di non garantire la massima trasparenza. 
Allo stesso tempo è evidente che, da parte dei vertici del Movimento, sono state compiute alcune scelte politiche senza che queste siano state oggetto di confronto o di dibattito interno con la propria base. 
Non si spiegherebbe, altrimenti, l’esclusione dalla rosa dei potenziali candidati di persone che hanno già ricoperto il ruolo di parlamentare. Uno di questi l’ho conosciuto personalmente perché, per cinque anni, siamo stati assieme nella Commissione Bilancio della Camera, il bitontino Francesco Cariello. 
Cariello non ha di certo bisogno della mia difesa. Eppure mi ha molto colpito la sua esclusione perché, in questi anni, pur lavorando su fronti opposti e avendo avuto diverse occasioni di scontro e di polemica, l’ho sempre ritenuta una persona intelligente e di valore, di quelle che - immagini - una forza politica mai si priverebbe. 
Non me ne vorrà allora Cariello se lo prendo come esempio per un discorso più generale, ossia quello delle modalità con cui il M5S sta operando nella selezione della propria classe dirigente. La democrazia interna dei partiti non è un tema che ha mai appassionato troppo gli italiani. Eppure è una questione fondamentale, è la cartina di tornasole che permette, anzitutto, di garantire la qualità del lavoro all’interno delle istituzioni, ma anche la capacità di ascoltare il territorio e di provare a risolverne i problemi. Oggi assistiamo alla rivolta interna al Movimento 5 stelle, a un cortocircuito frutto di una democrazia interna ridotta a un click sulla Rete, senza spazi di discussione e di confronto ma con decisioni che, in realtà, sono già state prese tutte dall’alto. Dispiace per quei tantissimi militanti che oggi si sentono traditi. E preoccupa per l’Italia, per il futuro Parlamento, che ha bisogno, al di là delle casacche politiche, di persone che siano all’altezza del ruolo e delle sfide che attendono il Paese.

1 day ago

Alberto Losacco

LeU: Losacco (Pd), Grasso ha copiato lo slogan di Rutelli

ZCZC8706/SXR XPP48064_SXR_QBXH R POL S42 QBXH LeU: LOSACCO (Pd), Grasso ha copiato lo slogan di Rutelli Ma adesso ne comprenda il senso (ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Lo slogan che Pietro Grasso ha preso a prestito da Rutelli e' semplicemente la conferma che la giustizia sociale e l'uguaglianza fanno parte da sempre del bagaglio dei valori del centrosinistra. Partecipai in prima persona all'ideazione di quella campagna. Con l'unica differenza che volevamo unire l'Italia e le forze del centrosinistra, non di certo dividerle, come allora avvenne per mano di Bertinotti, lasciando il paese nelle mani di Berlusconi per i 5 anni successivi". Cosi' in una nota il deputato del Pd, Alberto LOSACCO che fu uno degli ideatori di quella campagna. "Grasso faccia tesoro di quello slogan e della storia di quella campagna e si sforzi piuttosto di riunire la coalizione, a cominciare dalla Lombardia, dove le frasi razziste del candidato del centrodestra dovrebbero rendere tutti consapevoli di quale pericolo si corre. Non e' da una piccola forza che si puo' ambire a costruire l'Italia dei molti. E' una vera e propria contraddizione. Spero che Grasso se ne renda conto", conclude.(ANSA). BSA 16-GEN-18 19:29 NNNN
... See MoreSee Less

LeU: Losacco (Pd), Grasso ha copiato lo slogan di Rutelli

ZCZC8706/SXR XPP48064_SXR_QBXH R POL S42 QBXH LeU: LOSACCO (Pd), Grasso ha copiato lo slogan di Rutelli Ma adesso ne comprenda il senso (ANSA) - ROMA, 16 GEN - Lo slogan che Pietro Grasso ha preso a prestito da Rutelli e semplicemente la conferma che la giustizia sociale e luguaglianza fanno parte da sempre del bagaglio dei valori del centrosinistra. Partecipai in prima persona allideazione di quella campagna. Con lunica differenza che volevamo unire lItalia e le forze del centrosinistra, non di certo dividerle, come allora avvenne per mano di Bertinotti, lasciando il paese nelle mani di Berlusconi per i 5 anni successivi. Cosi in una nota il deputato del Pd, Alberto LOSACCO che fu uno degli ideatori di quella campagna. Grasso faccia tesoro di quello slogan e della storia di quella campagna e si sforzi piuttosto di riunire la coalizione, a cominciare dalla Lombardia, dove le frasi razziste del candidato del centrodestra dovrebbero rendere tutti consapevoli di quale pericolo si corre. Non e da una piccola forza che si puo ambire a costruire lItalia dei molti. E una vera e propria contraddizione. Spero che Grasso se ne renda conto, conclude.(ANSA). BSA 16-GEN-18 19:29 NNNN

Comment on Facebook

Chi più ne ha più ne metta

Per favore smettetela, Grasso e la sua formazione non è il nemico da battere

Riflessione tardiva con assenza di dialogo e condiviso e:modi,tempi e forma.Questo significa inclusione.

Alberto sono con te speriamo che Grasso rivede la sua posizione in Lombardia. Se non lo farà vuol dire che il loro progetto e di favorire la destra, per dispetto contro il Pd. Come ai bambini. Mi viene da chiedere ( Se questo e un uomo).

2 days ago

Alberto Losacco

Una riflessione a più voci per interrogarsi sul “metodo” di Don Tonino e Guglielmo, sempre utilizzato nei loro ambiti di azione, e che ancora oggi rappresenta un esempio da seguire per raggiungere l’eccellenza non solo in campo economico ma anche umano e sociale.

Un modo, insomma, non per commemorare ma per guardare al futuro insieme a due figure che sono state profondamente eretiche e innovatrici, sovvertendo i canoni consueti e le strade battute dalle abitudini, per provare a cambiare la realtà, molto spesso riuscendoci.
... See MoreSee Less

Load more